Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

Asilo Nido C'era una volta il cielo

Blog: come e cosa fare con mio figlio?



Blog

Rabbia, angoscia, pianto: come confrontarsi con le emozioni del bambino (e non solo)

Posted on September 18, 2021 at 11:20 AM

La scuola è iniziata: tanti bambini piangono per entrare, molte mamme si preoccupano, molti papà si impegnano a lasciarli andare.

I primi giorni di scuola (di nido, d'infanzia o quale che sia il grado), le famiglie affrontano una fase di passaggio che può generare ansia se tutto non fila liscia come sperato: "speriamo che nostro figlio non pianga".

Gli educatori sanno che Settembre è un mese in cui avranno a che fare con la rabbia, l'angoscia, la paura, dei bambini (ma anche dei genitori) e per svolgere in modo professionale l'accoglienza del nucleo familiare devono sapersi confrontare essi stessi con il dolore, l'ansia e le altre emozioni che le sottendono e che possono entrare in risonanza con le stesse corde dentro di noi.

Dopo 12 anni di ambientamenti a scuola, come educatrice prima e come coordinatrice poi, osservo e tocco con mano la delicatezza di questo periodo che per tutti (scuola, bambino, genitori, nonni) è un bel banco di prova.

Un bambino che piange (non solo per entrare a scuola) porta inevitabilmente i genitori a temere che si senta impaurito, disorientato, arrabbiato; che non si senta al sicuro, che abbiano sbagliato in qualcosa, che "forse dovevamo dargli di più, di meno o in maniera diversa".

Riflettevo invece, in questi giorni come ogni anno, su quanto sia vitale e in qualche modo positivo (se non semplicemente sano e comprensibile), che i bambini abbiano energie sufficienti per arrabbiarsi, che non trattengano emozioni in luoghi poco conosciuti, che attraverso il pianto possano sperimentare la possibilità di essere abbracciati, ascoltati e consolati da qualcuno al di fuori della famiglia, lì fuori nel mondo.

Mi piace ricordare, e ricordarvi, che quello che dobbiamo augurarci è che la paura e il dolore non vengano temuti dai bambini e che, se tutti lì fuori - compresi noi stessi - imparassero a confrontarcisi, riusciremmo ad insegnare loro a gestire i momenti più critici della vita con positività e sicurezza.

Perchè non sono una persona sicura se non piango mai, se non mi arrabbio mai, se non ho paura mai: sono sicuro se penso di potercela fare, se penso che quella porta (di scuola e non) sarà solo da attraversare, con in tasca tutte le mie emozioni e una bella dose di coraggio.

Siamo a metà percorso, siamo a metà Settembre!

Sta andando tutto bene!

Categories: None

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

8 Comments

Reply DfanGzNPMkISlhEU
1:26 PM on December 1, 2021 
auIslvRWjOte
Reply HIslmxfwCuWZyDg
11:30 PM on November 27, 2021 
meYQDrBENfKdT
Reply BgUbyNcR
12:04 AM on November 19, 2021 
QHuzswpk
Reply ISHRiNvskEQCcDGM
9:22 PM on November 13, 2021 
kzTDOMJL
Reply WYKQTyefMAwo
7:56 PM on October 31, 2021 
efzcmgbxwPGvMClZ
Reply kxbIHpWoTz
10:57 AM on October 7, 2021 
ONnTYREZrGWH
Reply XLQBqhpHMZIRYe
8:37 PM on September 29, 2021 
KmpnudFJUrSR
Reply nZpPsBdAEMarywt
7:50 PM on September 22, 2021 
sYlhyuID